Ci prendiamo cura del tuo sorriso.

Ogni giorno.

Gnatologia

gnatologia

La gnatologia é la branca dell’odontostomatologia che si interessa dello studio dei rapporti dinamici tra mascellari, denti, articolazioni temporomandibolari, muscoli che muovono la mandibola e sistema nervoso che comanda gli stessi e la lingua, ovvero le articolazioni della bocca e gli organi ad essa connessi ed è richiesto in presenza varie patologie.
Nell’interazione di tutte queste strutture è possibile l’insorgenza di quadri clinici che a volte si manifestano con una minore frequenza a differenza di altri che hanno, invece, una maggiore prevalenza (dolore orofacciale, disordini temporomandibolari, parafunzioni durante la veglia, bruxismo, apnee ostruttive durante il sonno e russamento).

Lo gnatologo si occupa di problemi legati all’articolazione temporo-mandibolari associati a cervicalgie, perdite di udito, acufeni (fischi alle orecchie) e antalgie otorino-facciali. Si occupa di disturbi o difficoltà di apertura e chiusura della bocca, incordinazione della mandibola, vertigini o senso di instabilità, dolori a viso e collo, mal di testa da occlusione e quindi non diversamente spiegabili, mal di schiena, gambe o spalle, dolori alla mascella, problemi posturali e blocco della mandibola.

Grazie ad una strumentazione diagnostica di ultima generazione come la pedana stabilometrica e all’elettromiografo, lo gnatologo valuta l’equilibrio della persona e le alterazioni indotte da interferenze occlusali sulla simmetria muscolare e determina la terapia più appropriata da seguire.

Bite sportivi

pedana

Realizziamo bite per gli sportivi per i quali i benefici sono molteplici: minor consumo di energia, migliore espressione della forza fisica e maggiore concentrazione mentale.

Tutto ciò si ottiene perchè il bite riequilibra la postura bilanciando il carico sulle piante dei piedi assorbendo le vibrazioni cui è sottoposto il corpo umano durante l’attività sportiva.

Il suo utilizzo previene le contratture poichè riesce a diminuire la contrazione massima dei muscoli masticatori consentendo all’atleta di respirare meglio e generare una minore produzione di acido lattico. Inoltre non andando a scaricare la forza e la resistenza muscolare sulla mandibola si hanno altri benefici come: maggiore concentrazione, resistenza e forza date dalla migliore respirazione che consente un maggior apporto di ossigeno al cervello.